Comandi Linux: introduzione

Con le attuali distribuzioni di linux, ricche di tools grafici, si può tranquillamente evitare di utilizzare la linea di comando; in diversi casi, la modalità testuale, può però risultare più veloce ed efficiente. Ma soprattutto è utile per familiarizzare con linux.

Ecco quindi alcuni comandi con la relativa spiegazione (tratti dal testo “west linux fundamentals” di Matthew West). Non si tratta di un elenco con TUTTI i comandi esistenti, sono selezionati soltanto gli “essenziali”. Non sono inoltre stati inclusi i comandi riguardanti la manipolazione dei file in quanto vorrei trattarli in un futuro articolo. Ricordate comunque che il modo più semplice per capire i vari comandi è quello di utilizzarli: smanettateci sopra senza timore!

man
I sistemi Unix (e quindi anche le varie distribuzioni linux) sono rilasciate insieme ad una gran quantità di documentazione. La documentazione per antonomasia sono le pagine MAN (abbreviazione per “MANual”). Utilizzare il comando man è semplice: basta digitare “man comando” per avere maggiori informazioni su tale comando. E’ per esempio possibile accedere alle pagine di manuale dello stesso comando “man” oppure del comando “date” (che vedremo più avanti).

comandoman.png


info
Il comando info è simile a man ed è possibile utilizzarlo nel medesimo modo. Una volta apparsa la documentazione relativa al comando che ci interessa, ci si può spostare avanti di una pagina grazie al tasto “n” (next), indietro grazie al tasto “p” (previous), e si può uscire grazie al tasto “q” (quit).

comandoinfo.png

date
Questo semplice comando ci mostra la data impostata sul nostro sistema.

comandodate.png

cal
Grazie al comando cal possiamo visualizzare il calendario mensile. Volendo è anche possibile far seguire il comando cal da alcuni argomenti per poter vedere il calendario relativo ad uno specifico mese/anno.

comandocal.png

ls
Il comando ls, abbreviazione per “list directory content”, mostra la lista dei file e directory presenti nella directory in cui vi trovate al momento del lancio del comando.

Se facciamo seguire ls dall’argomento -l (long) otteniamo maggiori informazioni sulle varie voci della lista.

Se invece è seguito dall’argomento -a (all) saremo in grado di visualizzare anche i file nascosti.

Nota 1: per ogni comando è possibile passare più argomenti alla volta, ad es. “ls -la“.

Nota 2: nei sistemi linux si trovano molti file nascosti. Generalmente si tratta di file di configurazione riguardanti i diversi programmi. Nascondendo questi file l’utente ha davanti una situazione più “pulita”, riesce cioè a riconoscere e ad accedere ai propri file in maniera più rapida. Un file nascosto è un normalissimo file preceduto da un punto (ad esempio “.prova” è un file nascosto mentre “prova” è un file visibile).

comandols.png

pwd
Il comando pwd, abbreviazione per “print working directory”, visualizzerà il nome della directory corrente.

comandopwd.png

cd
Il comando cd, abbreviazione per “change directory”, ci permette di spostarci all’interno del filesystem.

Se utilizzato senza alcun argomento ci riporterà alla nostra directory home. Per spostarci in un’altra directory utilizzeremo il comando cd seguito dal nome della directory in cui ci vogliamo spostare. E’ possibile specificare un percorso “completo” (che inizia con lo slash “/” della directory root) o “parziale” (se si tratta di una sottodirectory rispetto a quella attuale).

Possiamo anche utilizzare due attributi speciali: “.” sinonimo di directory corrente; “..” sinonimo di directory madre rispetto alla directory in cui ci troviamo attualmente.

comandocd.png

cat
Il comando cat, abbreviazione per “concatenate”, viene spesso usato per visualizzare il contenuto di brevi file testuali. Permette anche di visualizzare più file alla volta.

comandocat.png

less & more
Vogliamo visualizzare un file testuale ma questo è troppo lungo per essere mostrato interamente nella finestra? Possiamo allora ricorrere al comando less oppure more. Il comando more permette di scorrere la pagina una riga alla volta (premendo il tasto “invio”) oppure 24 righe alla volta (premendo la barra spaziatrice). Il comando less è un’evoluzione di more e ci permette di spostarci all’interno del documento grazie ai tasti direzionali.

comandoless.png

ps
Il comando ps visualizza una lista dei processi che sono attualmente in esecuzione sul vostro terminale. Anche a questo comando è possibile passare diversi argomenti: per maggiori informazioni leggete la documentazione (“man ps”).

comandops.png

~ di 2BFree su maggio 13, 2007.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: